AEP™ System
Armonia Estetica Posturale

Giovanni Maver | odontotecnico posturo consapevole

La nostra esperienza per il vostro benessere
armonia del sorriso - equilibrio posturale

www.giovannimaver.it

Alla ricerca della performance perfetta
In ambito sportivo sempre più frequentemente si vedono sportivi che utilizzano il bite per ottimizzare  e migliorare le loro prestazioni sportive. Perché può essere utile?

 

Il bite è un apparecchio terapeutico che si interpone tra le due arcate dentalipag sport 1
E’ dimostrato che il suo utilizzo può migliorare le performance sportive. Quando compiamo uno sforzo particolarmente importante tendiamo infatti a serrare i denti per chiamare a raccolta tutta la muscolatura.

Chi non conosce il detto “Stringi i denti e vai”?

Gli atleti compiono spesso sforzi massimali, in allenamento o in partita. Se sono presenti malocclusioni, si attiva una postura adattativa patologica che implica delle tensioni muscolari con probabili dolori ed un sicuro dispendio energetico.

Situazione che provoca una riduzione dell’efficienza muscolare totale.

 

pag sport 2

 

 

La soluzione per ottimizzare la performance, è l’utilizzo di  un bite sportivo che  compensa il problema dentale e permette così il recupero il 100% dell’efficienza muscolare migliorando perciò la prestazione sportiva.

 

 

 

 

 

I NOSTRI ARTICOLI

 

 

  • AEP® System – THE NEW WELL-BEING FORMULA
    13 aprile 2018 - Commenti: - Di' la tua!

    UN SOLO OBIETTIVO: STARE BENE SENTENDOSI BENE
    Unire perciò l’armonia del sorriso al benessere posturale, attraverso la realizzazione di protesi dentali altamente individualizzate.

    LA FILOSOFIA
    AEP® System si propone di restituire al paziente, in relazione alle problematiche stomatotognatiche e extra-stomatognatiche presenti, il recupero della migliore qualità di vita possibile. Il metodo AEP® System fa di “stare bene sentendosi bene” la propria linea guida e dell’integrazione tra armonia estetica e postura, i suoi cardini.

    DI COSA SI TRATTA
    AEP® System è una metodica operativa brevettata, utilizzata, sia per progettare e realizzare riabilitazioni complete su denti naturali e impianti, sia per aiutare il medico a curare disfunzioni e patologie della masticazione. L’approccio terapeutico viene deciso dal medico in relazione alla complessità del caso e può prendere in considerazione la valutazione del solo apparato stomatognatico o del complessivo stato di salute del paziente. La raccolta strutturata di tutti i dati, porta alla realizzazione di placche/bite per risolvere la sintomatologia dolorosa o ad un progetto protesico che permette di ricreare un sorriso individuale ed equilibrato in armonia con il viso e il resto del corpo.

    I NOSTRI VALORI
    “Esperienza”, “ricerca”, “tecnologia” e “saper fare”, sono i valori forti che hanno portato allo sviluppo e realizzazione del metodo AEP® System.

    ESPERIENZA, maturata in oltre 30 anni con medici e pazienti.
    RICERCA E STUDIO continuativi come canali prioritari per valutare e provare la reale efficacia della metodica.
    TECNOLOGIA come supporto indispensabile per la sua realizzazione in chiave pratica.
    SAPER FARE, come capacità di tradurre nel concreto competenze e passione.

    http://www.giovannimaver.it/it/aep-system-armonia-estetica-posturale-cosa-ne-dicono.php

  • LA BOCCA PUO’ LIMITARE LA PRESTAZIONE SPORTIVA!
    13 gennaio 2018 - Commenti: - Di' la tua!

    Immagine f2 aANCHE RONALDO USA IL BITE. PERCHE?
    Un corpo in salute, che si trova in posizione eretta e antigravitaria, ha come naturale obiettivo la ricerca dell’equilibrio, da raggiungere con il minimo impegno muscolare e in assenza di dolore. Partendo da questa posizione di “riposo”, il corpo compie qualsiasi azione. L’utilizzo del minimo lavoro muscolare a riposo, è importante per potersi esprimere a piena potenza durante il gesto atletico. In presenza di un problema in bocca, si potrebbe assistere, invece, ad un’alterazione dell’equilibrio corporeo che determina dolore e contratture con conseguente perdita di efficacia/efficienza muscolare.
    A RISULTARE PENALIZZATA è IN PRIMIS LA PRESTAZIONE SPORTIVA, con ricadute pessime anche per la tenuta psicologica dell’atleta. Una placca e successivamente un bite, rappresentano una soluzione efficace per evitare vuoti di performance. Con una “placca notturna occluso-posturale”, si resetta l’informazione patologica della bocca, permettendo il recupero dell’equilibrio posturale e della posizione di riposo fisiologica. Successivamente, la si stabilizza, supportando l’atleta durante la prestazione con un “bite sportivo di riprogrammazione”. Portato sia in allenamento che durante la competizione, abbiamo così la stabilizzazione della nuova posizione di lavoro, sollecitata dalla chiusura dei denti nei picchi di prestazione sportiva (detto popolare stringi i denti e vai). Il risultato è che, grazie alla “placca notturna occluso posturale” di resettazione e al “bite sportivo di riprogrammazione”, l’atleta, oltre a rendere silente la sintomatologia dolorosa, ha la possibilità di sfruttare appieno il suo potenziale muscolare.

    “AEP™System” armonia del sorriso, equilibrio posturale.
    Per saperne di più .. http://www.giovannimaver.it/articoli/03.pdf

  • Bite e Sport
    29 novembre 2014 - Commenti: - Di' la tua!

    Normalmente quando siamo in piedi, siamo alla costante ricerca del miglior equilibrio ottenuto con il misport1nimo impegno muscolare e in assenza di dolore.

    Partendo da questa posizione fisiologica il corpo compie qualsiasi azione.

    In presenza di un’alterazione dell’equilibrio della bocca si assiste, invece, ad un’alterazione dell’equilibrio corporeo che può causare dolore e contratture muscolari con un conseguente calo della prestazione sportiva.

    Con un bite sportivo, si recupera l’equilibrio della bocca e si supporta l’atleta durante la prestazione sportiva.

    Infatti, portato sia in allenamento che durante la competizione, oltre che rendere silente la sintomatologia gli permette di sfruttare al 100% il suo potenziale muscolare.

    PDF ARTICOLO: “La bocca può limitare la prestazione sportiva”